Promat Italia acquisisce Comais

Il 22 di aprile è stata una data importante per Promat Italia che ha celebrato l’acquisizione di Comais, uno dei più importanti produttori di calcio silicato d’Europa. Comais nasce negli anni ’70 con la produzione di manufatti in idrosilicato di calcio per l’isolamento termico e la protezione dal fuoco e nel ’96 viene acquisita dal Gruppo Etex, di cui fa parte anche Promat Italia.

Questa fusione rappresenta un traguardo fondamentale per Promat che allarga così la sua squadra (l’azienda può contare oggi sull’expertise di 115 dipendenti), estende il suo bagaglio di competenze, consolida la sua posizione sul mercato italiano e la sua forza sul piano internazionale.

Tra i fattori che hanno portato a questa alleanza è stata decisiva la volontà di rendere la struttura della nuova Promat Italia ancor più snella e agile unendo le due società – dirette entrambe dallo stesso Amministratore Delegato, Alessandro Argelli – sotto un'unica insegna, quella di Promat, da sempre sinonimo di qualità e affidabilità.

L’impegno di tutti, ora, è finalizzato all’armonizzazione delle funzioni e delle competenze e alla razionalizzazione dei flussi di lavoro, un obiettivo portato avanti con energia ed entusiasmo perché il prossimo traguardo sarà superare noi stessi.

Promat è un’azienda dalla riconosciuta professionalità, con una reputazione eccellente agli occhi dei clienti come a quelli dei competitor: la sua forza sta nelle sue conoscenze specializzate e nell’instancabile e continua tendenza al miglioramento. La fusione con Comais rappresenta quindi un immenso tesoro di competenze, oltre che una grande occasione di confronto, ed è in quest’ottica che è stata ufficializzata alla presenza di Nicolas Van den Abeele (Head of FPI Division).

La Promat di domani sta consolidandosi come un sistema aperto, in continua comunicazione col mercato e con i professionisti, con una struttura più semplice e quindi più reattiva ai bisogni del mercato, ma con una costante: la qualità e l’eccellenza delle nostre soluzioni Antincendio.

Torna alle News